//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js
 

Il significato di fiore edibile ed un elenco di piante commestibili

Non tutti i fiori si possono mangiare, scegliete solo quelli che conoscete, oppure quelli che vengono elencati da fonti attendibili. Scopriamo il significato di fiore edibile ed un elenco di piante commestibili.

Edibile significato

Fiori colorati in tavola, decisamente belli, più o meno profumati, ma anche buoni da mangiare. Oggi sono sempre di più gli chef che amano usare tra i fornelli i fiori eduli per dare ai loro piatti quel tocco che li distingue. Edibile o edule è un gruppo di piante da fiore che vengono utilizzate per guarnire o migliorare l’aspetto e il sapore degli alimenti. I petali o l’intero fiore possono essere messi dentro, intorno o sopra gli alimenti.

Mangiare fiori

Dalle proprietà nutrizionali interessanti, i petali commestibili sono poveri di grassi ma ricchi di carotenoidi e flavonoidi, due importanti molecole che aiutano a contrastare i segni dell’ invecchiamento cutaneo oltre che, sono ricchi di vitamine, sali minerali e proteine.

Ma fate attenzione perchè i fiori che si mangiano, non sono tutti commestibili. Un chiaro esempio arriva dal fiore dell’ oleandro che è ritenuta una delle piante coltivate più velenose del mondo. Vale lo stesso discorso per lo stramonio comune, la belladonna, e l’ aconito.

Fiori commestibili

Significato di fiore edibile ed un elenco di piante commestibili

Fiore di zucca

Tra i fiori commestibili più famosi troviamo quelli di zucca o di zucchina che vengono venduti a mazzetti sul banco del mercato, o in comode vaschette se vi recate al supermercato. Se avete deciso di comprarli dovete acquistare solo fiori panciuti, non afflosciati o mosci e con il pistillo di un bel giallo brillante, che però non va consumato visto che il suo gusto è piuttosto amarognolo.

Fiori di camomilla

Un altro fiore conosciutissimo e commestibile, è quello della camomilla, erroneamente ricordata per il solo ruolo di pianta per infusi o decotti. Infatti i teneri e freschi fiori di camomilla possono essere usati con successo in cucina per il loro gusto piuttosto delicato e dolce. I suoi capolini sgranati oppure interi, possono essere aggiunti a torte dolci o salate, insalate o frittate. Vengono raccolti al massimo della fioritura e lontano da strade con un grosso afflusso di traffico o lontano da stabilimenti industriali.

Fiori di calendula

Significato di fiore edibile ed un elenco di piante commestibili

E come non ricordarsi dell’ altrettanto famosa calendula, quel fiore dal colore arancione che nasce allo stato selvatico, oppure che può essere coltivata anche sul vostro balcone o nel giardino. I petali hanno un gusto piccante e un pochino pepato, che la rende particolarmente adatta per dare un tono di risalto alle insalate. Il suo colore che va dal giallo all’ arancione conferisce un tocco piacevolmente colorato ai piatti a base di riso, dove viene usata in sostituzione dello zafferano, grazie alla calendulina, che è una sostanza colorante. Può essere aggiunta per dare un tocco ricco alle minestre e frittate.

Fiori di nasturzio

Meno conosciuto invece è il nasturzio o trepolo che è una bellissima pianta decorativa. Oggi sul mercato alimentare si trova una pianta molto simile detta crescione inglese, da non confondere col bel fiore ornamentale del nasturzio, che comunque è pure esso commestibile. I fiori si consumano interi e si prestano benissimo per essere farciti e visto la loro bellezza decorano alla perfezione. I loro colori accesi passano dal giallo, arancione al rosso. Il sapore è fresco, all’ inizio dolce, per finire con un pizzico di piccantezza molto simile alla senape. Aggiunto alle insalate, piuttosto che alle macedonie o piatti freddi aggiunge una nota degna di interesse. Ottimo consumato come infuso, o abbinato a bresaola o piatti a base di carne.

Fiori edibili elenco

Se siete scettici dovete pensare che nella vostra dieta, quotidianamente già state mangiando dei fiori. Definiti ortaggi da fiore in orticoltura, sono un chiaro esempio i fiori di zucchina o di zucca, i broccoli, le cime di rapa, i boccioli dei capperi, i carciofi, i pistilli dello zafferano, ma anche i cavolfiori. E allora perchè fermarsi a questi se non si è allergici? Sono davvero tanti i fiori commestibili e non c’ è che l’ imbarazzo della scelta. Ecco un breve elenco di tutti quei fiori che si possono consumare tranquillamente, e alcune delle loro principali caratteristiche.

Elenco piante commestibili

  • Il fiore del glicine  offre grappoli di fiori adatti per farne frittelle o per decorare dolci.
  • Le infiorescenze della robinia ( produce dei bellissimi fiori bianchi e profumati ) sono ottime consumate fresche nell’insalata, si possono passare nella pastella, friggerle o metterle nelle frittate.
  • Il fiore del sambuco che regala bellissime fioriture ombrelliformi molto profumate, si utilizza per preparare bevande, marmellate e succhi. Ottimi anche impanati o fritti.
  • La rosa canina che ha fiori rosei o biancastri ( che vanno raccolti appena schiusi o in boccio ) si posso utilizzare per ottime marmellate solo dopo aver eliminato la base amara dei petali, oppure si possono impiegare in golose frittelle.
  • Il fiore di rosa, il più noto fiore commestibile viene largamente usato per la sua assenza in pasticceria. I suoi petali delicati hanno un sapore lievemente piccante e si prestano bene per insaporire secondi a base di carne.
  • I fiori dell’ arancio come quelli del limone danno un aroma particolare e speciale ai dolci.

Elenco fiori eduli 

  • I fiori profumati della viola mammola si prestano per essere canditi, fritti in pastella, e utilizzati per decorare torte e dolci, inoltre possono essere aggiunti a volatili o pesce per aromatizzare il piatto.
  • I coloratissimi fiori del girasole dal gusto leggermente amarognolo possono essere utilizzati per aromatizzare fresche insalate, bevande, salse, frittate e dessert.
  • Il bel geranio è ottimo per aromatizzare dolci al cucchiaio, dessert, vini e liquori.
  • Il fiore della margherita se unito all’ insalata estiva, le conferisce un sapore particolare e rinfrescante.
  • Il bianco e delicato fiore del basilico si può usare per insaporire e decorare piatti.
  • Salvia, rosmarino, menta e timo hanno dei bei fiori profumati che possono essere aggiunti ai piatti. Il gusto è simile alla pianta, ma più delicato.
  • La foglie tenere e i fiori freschi della malva si consumano crude nelle insalate.
  • I fiori del papavero se raccolti ed essiccati possono essere messi in infusione per preparare un lieve sedativo che serve per curare l’ insonnia.
  • I fiori della petunia possono essere cosparsi di cioccolato fondente sciolto per preparare un gustoso dessert.
  • I petali delle primule si utilizzano per preparare marmellate, per addobbare piatti a base di carne e per arricchire insalate.
  • Della borragine si utilizzano i fiori fritti in pastella.

Coltivare fiori

Un’ ottima idea per consumare fiori freschi, gustosi e sani è quella di coltivarli nel proprio orto, giardino o balcone e raccoglierli solo nel momento del bisogno. In commercio purtroppo è molto difficile reperire piante da fiore che non hanno subito trattamenti. Per tanto optate per la semina o la moltiplicazione per talea. Questa tecnica permette di scegliere in modo accurato la specie più gradita. Gli unici consigli da seguire sono quelli di raccoglierli alla mattina, senza rugiada e ricordarsi di scuoterli leggermente al fine di poter eliminare il polline. Accertatevi che non siano troppo esposti allo smog o traffico. Inoltre ricordatevi di annaffiarli spesso avendo cura di non bagnare boccioli e fiori che potrebbero risentire con la perdita del colore, profumo e aroma.

Conservazione e consumo

  • Tra i consigli più utili possiamo suggerire di maneggiarli con estrema delicatezza al fine di mantenere integra sia la consistenza che la fragranza.
  • Ricordatevi sempre di conservare i fiori più teneri privi di gambo in sacchetti di plastica.
  • Se decidete di utilizzarli nelle pietanze, per i meno esperti è consigliabile usare solo petali e non corolle intere.
  • Prima di essere usati in cucina, lavateli come la normale frutta e verdura, sciacquandoli con abbondante acqua fredda e successivamente tamponandoli con un panno morbido e asciutto.
  • Onde evitare che appassiscano alla svelta è consigliabile separare i petali dalla corolla, appena prima di utilizzarli in cucina.

Fiori edibili, significato, ed elenco piante commestibili

Controindicazioni dei fiori eduli

I fiori commestibili sono sconsigliati in gravidanza e nei soggetti che soffrono di attacchi d’ ansia e allergie. Inoltre se ne sconsiglia l’ abuso, perchè potrebbero causare irritazioni gastrointestinali.

Precauzioni d’ uso e avvertenze

Le informazioni riportate sul presente sito, hanno unicamente uno scopo divulgativo. Non sono  prescrizioni mediche, consigli medici, e neppure terapie sanitarie. I testi riportati non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato. Qualora si intendesse prendere in considerazione qualche indicazione tra quelle riportate nel sito si raccomanda vivamente di consultarsi prima con il proprio medico di base. Si esonera pertanto essasalute e i suoi autori da ogni responsabilità al riguardo.

Fiori eduli dove comprarli

I fiori commestibili si possono coltivare sul balcone o in giardino, altrimenti si possono acquistare nei negozi specializzati.

 

(Visited 436 times, 1 visits today)

Rispondi