//cdn.iubenda.com/cookie_solution/cmp/beta/stub.js

Iperico proprietà, controindicazioni e usi in cucina

L’ iperico è utile in caso di catarro, ma è principalmente un tonico per il sistema nervoso. Ma vediamo assieme l’ iperico proprietà, controindicazioni e usi in cucina.

L’ iperico, nome botanico hypericum perforatum, appartiene alla famiglia delle hypericaceae. Si impiega in erboristeria sotto forma di decotto, infuso, olio, estratto fluido, capsule, compresse, tintura madre.

Proprietà iperico

Le maggiori proprietà dell’ iperico sono: sedative, antiflogistiche, vulnerarie, astringenti, cicatrizzanti, inoltre è emmagoga. 

Iperico proprietà, controindicazioni e usi in cucinaUso interno – L’iperico se utilizzato per uso interno sotto forma di infuso o tintura,  agisce contro il catarro e l’ asma. E’ un ottimo digestivo e depura il fegato, oltre che si rivela utile nelle forme di cistiti. Famoso per essere un ottimo tonico del sistema nervoso grazie alla presenza dell’ iperacina, una delle sostanze più importanti contenute in questa pianta. La sua azione antidepressiva ( che agisce come inibitore di  alcuni neurotrasmettitori, e in particolare sulla serotonina come rimedio naturale, noradrenalina, dopamina e GABA) è ormai nota e confermata, sia grazie all’ iperacina che ai flavonoidi quercetina e quercitrina, che sono in grado di limitarla fino al 90%.

Certo, i tempi per ottenere dei buoni risultati è nettamente maggiore alla cura a base di psicofarmaci, ma una volta che agisce, gli effetti positivi, sono garantiti, e si sentono anche a distanza di tempo. Questa pianta può essere utilizzata quindi come antidepressivo nella depressione maggiore e per dare sollievo a chi soffre d’ ansia. Indicato inoltre per la guarigione di ulcera gastrica e gastrite. 

Uso esterno – Le sue proprietà antibatteriche sono sfruttate in caso di Herpes Simplex e in complicazioni dovute all’ influenza, mentre per via esterna l’iperico è un ottimo antibatterico, antinfiammatorio e cicatrizzante, per cui è particolarmente indicato in casi di ustioni, ferite, cicatrici, piaghe ecc… Utilizzato in campo cosmetico l’infuso serve per combattere arrossamenti della pelle e couperose, mentre se aggiunto all’acqua del bagno, ha un buon effetto tonificante. Per nutrire in profondità la pelle appassita e alleviare gli inestetismi dovuti all’età si usa il decotto o l’olio.

Principi attivi

Le sommità fiorite contengono iperacina, oli essenziale, iperina, resina, tannino, flovonoidi, polisaccaridi, pectine, saponine, glucosidi, sali minerali, fitosterine, proteine, vitamina C, caroteni, acido caffeico e clorogenico.

Altri usi dell’ iperico

Usi in cucina – Tutti sono a conoscenza delle tisane a base di fiori di iperico, ma pochi sono al corrente che con l’ erba di San Giovanni si può preparare un ottimo liquore dal sapore gradevolmente amaro e dall’ effetto digestivo solo prendendo un barattolo a chiusura ermetica, 1 lt. di grappa di Lambrusco, 1 limone non trattato e 50 gr. di fiori di iperico. Successivamente bisogna lasciarlo macerare per due settimane, filtrarlo con una garza e aggiungere 150 grammi di zucchero. Una volta sciolto lo zucchero, il vostro amaro sarà pronto da gustare dopo i pasti principali, anche se più lo lasciate stagionare e più il vostro liquore migliorerà.

Iperico proprietà, benefici, controindicazioni e usi in cucina

Iperico per la depressione

Versare 6 grammi di fiori di iperico in 500g di acqua bollente e lasciare riposare per almeno 15 minuti e filtrare. Bere due tazze dell’infuso al giorno e lontano dai pasti principali. E’ consigliabile continuare la cura almeno per 2-3 mesi.

Infuso di iperico contro l’ansia

Versate 2 cucchiai di iperico e 2 di valeriana in 2,5 dl di acqua calda per una decina di minuti. Filtrare e consumare la tisana all’ occorrenza.

Infuso di iperico per il catarro

Versate 5-6 grammi di fiori in 250 g di acqua e lasciare in infusione nell’acqua bollente per almeno 10 minuti. Una volta raffreddata filtrare e consumare almeno due tazze lontano dai pasti principali. L’effetto calmerà la tosse e l’azione antisettica che svolgerà, aiuterà ad eliminare il catarro dai bronchi.

Bagno per scottature solari

Fare bollire 50 g di fiori freschi in 5 l di acqua per 15 minuti circa e fare riposare. Filtrare e aggiungere 30 g di amido di riso e versate il composto ottenuto nell’acqua che utilizzate per fare il bagno e restare immersi per almeno 15 minuti. L’ effetto decongestionante allevierà il fastidio recato dalla pelle arrossata dal sole.

Iperico dosaggio

L’ azione antidepressiva è stata riscontrata con estratto di iperico al 0,3% di ipericina, e flavonoidi 50 % al dosaggio di 400-800 mg al giorno ( una compressa generalmente contiene 200 mg di estratto secco) e fino al miglioramento dei sintomi ( i primi benefici generalmente si cominciano a vedere dopo 2 settimane di terapia ). Assumere 3 volte al giorno.

Iperico controindicazioni

Non assumere mai in gravidanza. L’ iperacina può causare fenomeni di fotosensibilizzazione specialmente in soggetti con la carnagione chiara che dovranno evitare l’esposizione ai raggi solari. Da evitare assolutamente l’uso locale se si ha la pelle molto chiara e facilmente irritabile. Studi recenti hanno dimostrato che la fotosensibilizzazione è legata prevalentemente dall’ iperacina, mentre l’azione antidepressiva è legata ai flavonoidi. E’ strettamente necessario porre attenzione alla sua interazione con gli psicofarmaci. Sono state inoltre segnalate reazioni come dermatiti, irritazioni gastrointestinali, nausea, vertigini, vomito, cefalea e astenia. Inoltre, dosi eccessive possono causare ipertensione arteriosa.

Olio di iperico usi

L’ olio di iperico è un antico rimedio contro le scottature leggere, infatti viene usato come doposole per lenire i fastidi dovuti alle bruciature, ma si usa per le ustioni di qualsiasi genere visto che aiuta a lenire il dolore e l’infiammazione stimolando il naturale processo di riparazione delle cellule. Per di più facilita la guarigione di ferite, piaghe e si dimostra un valido aiuto in presenza di lividi, distorsioni e contusioni.

Olio di iperico ricetta

Per preparare l’ olio di iperico, mettete 2 manciate abbondanti di fiori freschi e fateli macerare in 1 lt. di olio di oliva dentro ad un contenitore a chiusura ermetica. Lasciate macerare al sole per due settimane, filtrate usando una garza e suddividete in bottigliette. L’ olio di iperico si presenterà di un bel colore rosso vivo.

Altri nomi dell’ iperico

Cacciadiavoli, Erbe di San Giovanni, millebuchi, pirico, mille buchi.

Iperico pianta dove si trova

Si trova in tutta Italia, principalmente nei terreni secchi e incolti, nei boschi, lungo le strade e fino a 1600 m di altezza.

Descrizione della pianta

La pianta di iperico è un’ erbacea perenne con il rizoma corto, il fusto eretto ( 1m ) ramificato e legnoso. Le sue foglie sono opposte, di forma ovoidale oppure oblunghe, punteggiate di minuscole ghiandole trasparenti che contengono l’essenza balsamica e che producono il famoso olio rosso.  Se guardate in controluce, sembrano tanti fiorellini. Il fiore di iperico è di un bel giallo acceso. E’ formato da cinque petali appuntiti e asimmetrici, riuniti in una sorta di infiorescenza simile ad un grappolo, e compaiono in alcune zone già a maggio, mentre in altre in estate. Nei fiori sono presenti delle ghiandole simili a quelle presenti nelle foglie che, se schiacciate producono lo stesso tipo di olio rosso. La pianta che emana un gradevolissimo aroma simile all’incenso, si può trovare in tutte le zone dell’Italia, nei terreni secchi e abbandonati, nei boschi, lungo i margini delle strade di mare e fino ad un altitudine di 1.600 mt.

Epoca di raccolta dell’ iperico

Si raccolgono da giugno a settembre le sommità fiorite, con le quali si fanno dei mazzetti che saranno poi appesi ed essiccati all’ombra, e successivamente conservati in vasi di vetro a chiusura ermetica. Fate attenzione però, perchè i suoi fiori durano un solo giorno. Mentre uno si apre. l’altro appassisce.

L’ iperico nella storia

In tantissimi paesi europei, nella notte di San Giovanni che cade il 24 giugno, in concomitanza con il giorno di apertura dell’estate, si facevano danze in cui i partecipanti si adornavano il capo con ghirlande fatte di fiori di iperico. Inoltre nella vecchia tradizione il colore rosso che rilascia l’iperico quando si sfregano i fiori è considerato il sangue del Battista Decollato.

Curiosità

  • Anticamente era considerata un’erba santa dai particolari poteri, infatti veniva consigliata dagli stregoni per allontanare gli spiriti del male dalle case, e veniva per l’appunto chiamata fuga daemoniorom. Per questo motivo era appesa nelle case.
  • Se seminata sul balcone o nel giardino, avrà l’effetto di tenere lontano gli spiriti maligni e di rendere più serena la vita. Ma che ci si creda oppure no, questa pianta con i suoi fiori vivaci e profumati sarà per voi una presenza davvero piacevole.
  • Le foglie sfregate fra le dita, sprigionano un buon odore di incenso e per questo motivo ha preso il nome popolare di scacciadiavoli, inoltre sempre per credenza popolare lo si bruciava all’interno delle case attribuendogli virtù taumaturgiche.
  • Nelle campagne, la notte di san Giovanni, era una notte magica dedicata agli incantesimi portafortuna per la maturazione dei frutti e la raccolta delle erbe, tra cui l’iperico. Quella notte, la più luminosa e breve dell’anno, le giovani donzelle si stendevano nei campi in attesa di farsi bagnare dalla rugiada, che le avrebbe aiutate a trovare un fidanzato, o se erano già accoppiate, a concepire entro l’anno.

DOPO AVERE LETTO IPERICO PROPRIETA’, CONTROINDICAZIONI E USI IN CUCINA

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

 

Iperico proprietà, controindicazioni e usi in cucina

 

Precauzioni d’ uso e avvertenze

L’ autore del presente sito web non si assume nessuna responsabilità dell’ eventuale cattivo uso dei rimedi proposti in queste pagine. Le piante presentate non devono essere nella maniera più assoluta consumate né in quantità elevata e neppure per periodi troppo lunghi. Per tanto, le informazioni qui riportate hanno solo un fine divulgativo: non essendo riferibili a prescrizioni, a consigli medici, e neppure a terapie sanitarie, e comunque i testi non possono in nessun caso sostituire il consiglio di un medico abilitato. Qualora si intendesse prendere in considerazione qualche indicazione tra quelle contenute nel sito si raccomanda di consultarsi prima con il proprio medico di base. Si esonera pertanto essasalute e i suoi autori da ogni responsabilità al riguardo.

Dove si compra l’ iperico

L’ iperico che si assume per via orale si trova in farmacia, mentre i prodotti che si utilizzano per via esterna si trovano nei supermercati o nei negozi di prodotti naturali, ma si può comprare anche qui sotto cliccando sul link. Ecco perchè ho selezionato per voi, i migliori prodotti a base di iperico in commercio! 

 

 

 

 

Iperico proprietà, controindicazioni e usi in cucina
Rate this post

(Visited 166 times, 1 visits today)
Categorie: Fitoterapia

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: