Ansia

L’ ansia, l’ angoscia, la depressione sono malattie che possono rovinare la vita e spingere chi ne soffre a commettere gesti terribili.

Quando si sente parlare di malesseri e malattie di vario genere, generalmente si tende a pensare che qualcosa non va bene nel nostro corpo. Eppure, molto spesso non sono gli organi presenti nel corpo a stare male, ma è la psiche che va in corto circuito. Il problema può essere momentaneo, magari causato da un episodio ben preciso, oppure da una serie di eventi che hanno sul nostro cervello un impatto negativo.

I sintomi dell’ansia

Spesso, quando si è in una condizione non ottimale, ma si vive in tensione, in continua allerta, ecco che allora siamo in ansia. Da questo evento si posso presentare alcuni sintomi come: tachicardia, nausea, diarrea, sudorazione abbondante, tosse, mancanza di appetito, affaticamento fisico e mentale, mal di testa, ma ci possono anche essere disturbi legati al sonno, irritabilità, difficoltà a concentrarsi, per arrivare nei casi più gravi a soffrire di attacchi di panico e ansia, disturbi dell’alimentazione come bulimia o anoressia, disturbi della personalità.

Ansia

Senza mettere da parte psicologi e psichiatri che sono a nostra disposizione per aiutarci a passare un momento un pochino così, provate anche qualche rimedio in cui le erbe e le piante possono rivelarsi davvero utili.

Rimedi fitoterapici per l’ansia

In genere per contrastare i disturbi meno importanti si può effettuare una cura fitoterapica a base di tisane, oli essenziali, o gemmoderivati, mentre in presenza di disturbi più importanti è necessario rivolgersi alla psicoterapia o ai farmaci. Se però optate per una cura fitoterapica tenete presente che andrebbe continuata per almeno 25 – 30 giorni e ripetuta ciclicamente, quando i disturbi si presentano più intensi.

Tra i rimedi contro l’ ansia e l’agitazione, al fine di promuovere un buon rilassamento sul sistema nervoso calmandolo, troviamo la passiflora o passiflora incarnata che ha notevoli proprietà ansiolitiche e calmanti. Può essere assunta come tintura madre, nella misura di 25 gocce a metà mattina e a metà pomeriggio da diluire in poca acqua, oppure il suo olio essenziale, preso due volte al giorno nella misura di 3 – 4 gocce in poca acqua, nei periodi di forte tensione.

Tra gli ansiolitici naturali, troviamo la valeriana o valeriana officinalis che è una pianta sedativa. Da prendere ogni mattina come tintura madre nella misura di 30 gocce.

Tisana calmante

Per preparare una tisana calmante versate in 2,5 dl di acqua bollente, 1 cucchiaino di fiori d’ arancio e 1 di achillea millefoglie. Infine aggiungete 1 cucchiaino di miele d’ arancio, che pure esso ha un’ azione sedativa.

 

 

 

 

Le informazioni qui riportate hanno fine divulgativo: non sono riferibili a prescrizioni, a consigli medici, e neppure a terapie sanitarie. I testi non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato. Qualora si intendesse prendere in considerazione qualche indicazione tra quelle contenute nel sito si raccomanda di consultarsi prima con il proprio medico di base. Si esonera pertanto essasalute e i suoi autori da ogni responsabilità al riguardo.

(Visited 10 times, 1 visits today)
Categorie: Rimedi

1 commento

Rosy · 8 febbraio 2018 alle 0:16

Ciao cara Paola, eccomi qui’ , sempre bellissimi ed interessanti i tuoi post . Sono tornata , grazie per esserci.

Ti abbraccio con affetto.

Rosy

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: